Twitter Raffaele Conte Google+ Raffaele Conte Facebook Raffaele Conte Linkedin Raffaele Conte Youtube Raffaele Conte

I like su Facebook non contano un c… e non ti fanno vendere!

08-07-2017
Home » Blog » Strategie Facebook » I like su Facebook non contano un c… e non ti fanno vendere!

Se hai poco tempo e vuoi subito la risposta alla tua domanda, arriviamo subito al dunque: I Like su Facebook non servono a Nulla!!!

urlo facebook

Se non ti sei ancora convinto allora cercherò di farlo nella mia analisi.


Comprare like su Facebook

comprare like su facebook

Alcune convinzioni sono dure a morire, specie nel web marketing dove a volte è complesso sgomberare il campo da idee sbagliate.
Ed è ancora più difficile perché ci sono agenzie che promettono mari e monti per vendere solo tanti “like al chilo”.
La loro fortuna è che non tutti gli imprenditori conoscono davvero il mezzo social e si lasciano abbindolare dalla quantità e non dalla qualità.
I soldi di oggi che ottengono con questa vendita di like all’ingrosso è doppiamente dannosa, per loro e per il settore.

Gli imprenditori, prima sorridono, perché vedono le loro pagine facebook gonfiarsi di “mipiace” e poi piangono perché non vedono alcun ritorno concreto in termini economici.

Oltre il danno per loro anche la beffa per chi fa bene questo mestiere: chi ha provato a investire perde qualsiasi interesse nel mezzo e così il mercato del social media marketing va a farsi friggere.
Gli imprenditori devono però farsi furbi. Non possono imparare tutte le strategie di marketing dei social perché non hanno tempo e le competenze giuste, ma possono fare alcune riflessioni banali.
Immaginiamo di essere proprietari di un’azienda vinicola e di comprare 100mila like (ovviamente di utenti non profilati).Che senso ha avere 100mila utenti se sono tutti astemi?

Aumentare le vendite su Facebook e non i mi piace

aumentare vendite  con facebook

Anche a me è successo di avere tante richieste del genere.
Tempo fa un imprenditore mi contatto perchè voleva investire investire sui social : «Voglio una pagina con tanti like, come i nostri competitor x» è la richiesta diretta del titolare.
Confesso di aver avuto più di una difficoltà a spiegargli che avere tanti like è inutile e non serve a nulla.
Fortunatamente, riesco a convincerlo a cambiare strategia e puntare su degli interventi a lungo termine. In fondo, “i like avrebbe sempre potuto comprarli a 20 euro al chilo”, gli ho detto in modo ovviamente provocatorio.
Ebbene, quali risultati abbiamo ottenuto?
Oggi la pagina ha poco più di un centinaio di fan, con una pubblicazione di 3-4 post a settimana ma ha aumentato il fatturato grazie a delle campagne mirate su Facebook.

visite facebook

fatturato facebook 

Il fatturato non è alto ma bisogna considerare che è un e-commerce atipico con un solo prodotto e che fino a un anno fa il fatturato dai Social era praticamente pari a 0.

La qualità batte la quantità

Questo episodio mi serve a spiegarti che la quantità su Facebook non conta.
È la qualità della strategia a fare la differenza, una regola, d’altronde applicabile a tanti altri campi della vita.
La verità che i tuoi fan non sono tutti uguali. Insomma, uno non vale l’altro. i sono quelli fermi, che si limitano a consumare informazioni e interagiscono poco o nulla. Mentre ci sono altri che sono iperconnessi e riescono con i loro commenti e condivisioni a influenzare centinaia di migliaia di utenti.

Lo spiega bene su Forbes Jayson DeMers, uno dei più noti esperti Seo e di online marketing americano: «Puoi avere un milione di utenti, ma se nessuno di questi interagisce con il tuo brand e condivide le tue informazioni, quel milione non avrà alcun significato. Al contrario, se hai 100 fan che sono attivi, condividono e rispondono ai tuoi post, hai una pagina che offre valore».

Cosa dice la legge di Pareto?

DeMers ricorre alla teoria di Pareto, che è utile perché è perfetta per farci capire il funzionamento dell’engagement sui social. Cosa dice Pareto? In estrema sintesi, che l’80 per cento dei tuoi risultati, derivano dal 20% degli sforzi. Tradotto? Per una buona pagina occorre che tu punti a coinvolgere nel migliore dei modi il 20% dei tuoi fan.

Senza scomodare Pareto, basta considerare i cambiamenti che ha subito negli anni l’algoritmo di Facebook. Matthew Barby, manager di Hubspot, una delle più celebri agenzie di web marketing al mondo, mostra con dei grafici il cambiamento che ha subito l’algoritmo negli anni.

mi piace facebook
Image source: http://www.convinceandconvert.com/social-media-tools/this-chart-explains-the-reachpocalypse-and-why-facebook-is-laughing-all-the-way-to-the-bank/ Image source: http://www.convinceandconvert.com/social-media-tools/this-chart-explains-the-reachpocalypse-and-why-facebook-is-laughing-all-the-way-to-the-bank/

Se nell’ottobre del 2013, un post medio raggiungeva l’11/13% della tua base utenti, ora sei fortunato se il tuo contenuto è visto dal 3% dei tuoi utenti.

Cosi come i “mi piace” di una pagina in se non hanno nessun riscontro, lo stesso discorso si può fare con i post delle pagine, oramai gli utenti sono portati quasi in automatico a cliccare su mi piace a tutto, senza pensare due secondi su cosa si stia cliccando

scrolling facebook

by https://natangeloemme.wordpress.com/ by https://natangeloemme.wordpress.com/

Il like in se non vuol dire niente, ovvero può essere importante per la diffusione di un post ma non può essere l’obiettivo finale, io posso avere 1000 like ad un post con una foto di un gattino ma se vendo hardware per le aziende a che mi serve?

Quali sono i Fan giusti per la tua pagina

Queste premesse significano essenzialmente due cose.
La prima che in ogni pagina che si rispetti, il successo è determinato da quelli che sono definiti i superfans, quelli cioè che si prodigano a divulgare il tuo messaggio.
Secondo uno studio di Napkin, agenzia di consulenza, su 31,7 milioni di fan oggetto dell’analisi, solo il 6% interagisce con il brand.

fan facebook

Ed è dimostrato che pagine con 900mila fan hanno un’interazione del 60% in meno di quelle con 50-60mila fan. Come è possibile che Davide batta Golia? Ancora una volta perché la qualità vince nettamente sulla quantità.
La seconda è che è inutile, oggi più che mai, comprare fan. Secondo i dati del Corriere.it, 100mila like costano 1,400 euro e c’è gente e ci sono ragazzi con poco più di vent’anni che con algoritmi “poco leciti” porta a casa anche 20mila euro al mese.
Leggi questo articolo di Primaonline per crederci.
Se per loro è un affare, non lo è per le aziende che cadono nella trappola dei like facili. Non ci sono strade semplici per riuscire sui social media, ma solo una giusta strategia e pianificazione.

Come avere tanti mi piace su facebook?

Allora a questo punto ti chiederai come fare a ottenere più mi piace sulla pagina, aumentare condivisioni e commenti?

Vediamo tre passi che possono aiutarti ad aumentare l’engagement su Facebook

  • Il primo è sicuramente avere una precisa strategia. Fondamentale prima di iniziare è infatti definire i tuoi obiettivi e determinare un budget per il tuo lavoro sui social, che per avere risultati ha un costo. Come immagini, Facebook non è un ente benefico e dovrai pagare per far sì che il tuo contenuto raggiunga più fan.
  • Secondo uno studio del Time la percentuale degli utenti raggiunti sulle pagine dei brand con un post è calato dal 12% al 6% negli ultimi anni. Altro dato che va a confermare quanto abbiamo detto sopra. Il secondo passo è capire quali sono gli argomenti che gli utenti sono disposti a condividere o commentare sul social network di Mark Zuckerberg. Che siano discussioni sull’ultimo telefilm o trasmissione sportiva, oppure lo sport, devi osservare i tuoi utenti, capire che gusti e abitudini hanno e poi puoi creare contenuti capaci di attrarli. Socialcom suggerisce 9 domande che puoi farti prima di scrivere un post.
  • Il terzo passo che posso consigliarti è di avere sempre le orecchie aperte alle novità. Per esempio, Facebook sta testando gli Ads anche nei gruppi e questo non fa altro che confermare l’importanza che crearne uno può avere per la tua strategia di marketing. E poi ci sono i video e il live streaming. I video sono ormai i contenuti che generano più interazioni ed è uno strumento su cui il social sta puntando già da qualche anno.
    Più nuovi sono i live streaming che sono visti soprattutto nelle fasce di età più giovani. Puoi usarli per innovativi servizi di customer care, condividere consigli,o offrire anticipazioni sui nuovi prodotti.
    Un “dietro le quinte” che potrebbe essere un modo divertente per creare engagement e ricevere feedback. Insomma, le cose da fare sono tante sui social media e Facebook in primis. Ma per iniziare devi vincere i pregiudizi e quello che sai “per sentito dire”. Studia, leggi, informati. E soprattutto, fai degli esperimenti. La chiave per riuscire è sempre trovare terreni nuovi, avventurarsi, mai annoiare. «Se oggi vado a letto non avendo fatto niente di nuovo rispetto a ieri, allora oggi è stato sprecato», spiega Bill Gates.

Inizia da ora ad avere la giusta strategia!
Ti consiglio una serie di articoli che possono farti da guida

Creare pagina facebook
Strategie Vincenti di Marketing su Facebook
Tre semplici consigli per un post di successo
Comprare i like/fan di Facebook è una cazzata, ecco i dati che lo dimostrano! di A.Sportelli

Siti dove comprare i fan su facebook

Ora sai che comprare i fan su facebook non serve a nulla, ma se nonostante tutto vuoi una bella pagina facebook dopata, ti agevolo e ti giro il link per la giusta ricerca, ti consiglio vivamente di verifica che il sito abbia la partita Iva nel footer, almeno in caso di truffa sai a chi rivolgerti. Articoli scritto a due mani con Giancarlo 

BG Nuvola
Razzo

Fai Decollare il tuo Business!

Contattami e Richiedi una Consulenza Web personalizzata.
Scopri come aumentare le visite al tuo sito web e come ricevere più contatti!

Contattami